Home » Golaine “Mîts, Flabis e Liendis dal Friûl storic” »

Golaine “Mîts, Flabis e Liendis dal Friûl storic”

La Collana “Miti, Fiabe e Leggende del Friuli storico” è stata ideata da Massimiliano de Pelca, Maurizio Puntin, Domenico Zannier e Galliano Zof. Un merito particolare va senz’altro riconosciuto all’editore Chiandetti, il quale è stato l’unico e il solo, tra gli imprenditori dell’editoria locale, a riconocere ed a sentire come proprie le motivazioni ideali che avevano portato alla creazione di questa collana. Spinto da un forte sentimento identitario, ha sostenuto il progetto con convinzione, regalando ai volumi della collana, un inconfondibile tocco di eleganza e raffinatezza nella forma e nel design. Ogni volume si occupa e da spazio ad una ben delimitata ed omogenea area territoriale del Friuli e, non essendo la lingua ladina friulana uniforme, i ricercatori si sono attenuti ai linguaggi locali, registrati e poi fedelmente trascritti. Nelle riproduzioni dei testi, dunque, si è cercato di salvaguardare le varianti friulane delle singole località; sono quindi voci genuine del nostro popolo di ogni parte della regione.

“Il patrimonio della letteratura popolare, orale e scritta, appartiene alla gente del Friuli e questa collana è un servizio disinteressato alla salvezza di una memoria, senza la quale nessun popolo è popolo.” (Domenico Zannier)

I miti, le fiabe e le leggende, accompagnano l’umanità fin dai primordi, ne costituiscono la base culturale e mostrano l’interpretazione della vita, del mondo e dell’essere. Trovano il loro significato in un aiuto misterioso e fecondo della vita, spesso offrono modelli di comportamento ed un sostegno iniziatico. La letteratura popolare diviene pertanto un probante ritratto della psicologia e dell’antropologia di un intero popolo o dell’insieme delle varie comunità etniche dimoranti in una determinata regione storica.

“Questa collana, non vuole nulla togliere a ricerche già compiute ed a frontiere già raggiunte. Né il suo scopo è puramente linguistico e folclorico. Si tratta di analizzare, alla fine del secondo millennio e dopo un secolo di scolarizzazione e decenni di comunicazioni di massa, quanto ancora sopravviva dell’immenso patrimonio orale, quanto sia andato perduto, quanto è stato adattato a ulteriori evoluzioni. Se nelle maglie della rete si troveranno impigliate nuove prose popolari e nuove usanze, nuove come scoperta ma naturalmente antiche, si sarà contribuito efficacemente alla salvezza di una parte, ignota anche agli studiosi, della nostra cultura.” (Domenico Zannier)

Miti, fiabe e leggende sono la concretezza di una pedagogia, che affonda nella notte generatrice dell’umanità. Non danno la definizione di uomo, presentano l’uomo. Preparano all’incontro ambiguo, ambivalente, positivo e negativo con l’uomo e con il mondo. Il distacco dalla tua vicenda personale fa toccare a te stesso quello che sei, senza fartene colpevole. E il bene finale ti libera. Valide credenze si ammantano di mito per parlare meglio all’intelligenza e agli affetti. La collana ha quindi un intento psicopedagogico, che si aggiunge a quello puramente documentario, non solo di raccolta, ma, nel caso di testi già rilevati in passato, di verifica esistenziale della loro attualità.

Copyright by Chiandetti Editore – Reana del Rojale (UD) – Chiandetti Editore

Lis operis da golaine:

Cjargne 1

Anade: 2010

Friûl di mieç

Anade: 2007

12