Home » Publicazions » Te flùima de vita

Te flùima de vita

Anade di publicazion:2011

Dipartiment:

Te flùima de vita A ogni jessude di racueltis poetichis di Giovanni Maria Basso (Miut dai Bundìns Disot) nissun plui si da di maravee. Cussì no costituìs une sorprese nancje la presinte edizion, che e torne a publicâ scuasit par intîr lis poesiis za jessudis tai volumuts (dal 1978 incà), cu la zonte di altris fin cumò ineditis.

Dut sumât, Basso no si è dislontanât plui di tant dal criteri che al doprave tai siei scrits fintremai de prime racuelte, e al à fat ben. Lontan dai inteletualisims, cerebralisims, ricercjatecis, modernisims, al è restât un “naif”. La sô poesie e je la confession vierte di une anime. Che si ispiri a la nature, al amôr, a la religjon, lui al tradûs dut in espressions di sintiments. I cjamps che a van jù sul Nadison, lis fiestis che a tornin ogni an, lis bielecis di une muse no vegnin descrits cun semplicitât, ma interpretâts e tradusûts, tal sens che la lôr contemplazion e dismôf emozions riproponudis al letôr, che lis fâs sôs.

Il mont al è chel di simpri, dome che si è rignuvît. Il mont di Basso al è restât chel di Orsarie, salf che dut si mude, a scomençâ dai compagns di vite, ven a stâi dai coetanis. Si inzorne cussì come une persone che e cambie il vistît par vie de mode, ma dentri al reste simpri chel.

Ce che al è esterni in Basso al è un mont creât, e dal so Creatôr lui al à cognossince e rispiet come ogni bon cristian. Ma Basso al è ancje un om, cui traspuarts che plui o mancul ducj o provìn. A son traspuarts naturâi, spontanis, clârs, e Basso nol smire a platâju. La sô e je une trasparence totâl, e in nissun câs nô o vin di lambicâsi par capî ce che l’autôr al vûl dî. Al è un poete di no leisi di sburide par capîlu ad implen, ma nol è di sigûr un poete ermetic in ritart.

Jo o pensi che un esam aprofondît de interie opare dal nestri amì al meretarès di jessi realizât, intun arc di timp ben plui grant dal presint, limitât a une prefazion. Di lui o ai scrit plui voltis. E o soi content di vêlu, par prin, palesât ai furlans cuant che al vignì fûr “Bugadis”, profetant che al jere “scrocât fûr” un gnûf poete: cui sal spietavial in chê volte, cuant che di Orsarie si fevelave dome pe mascarade tradizionâl? Ma ancje un esam dal lessic particolâr, tipic di chê zone, al bisugnarès che al fos fat. Al è un lengaç net fûr di ogni contaminazion foreste comprendûts i talianisims, disvelât a nô come un repert fin cumò platât, ma vîf.

Te presinte edizion al ven cjapât dentri, come che o vin mutivât, il miôr de produzion poetiche di Basso, ven a stâi scuasit dute (a son lassâts di bande i prins tentatîfs, o sei i componiments di ocasion: utii ancje chei par altri, se a servissin a puartâ a planc a planc viers dai percors valevui). In plui ocasions altris di lôr a àn scrit su di lui. E o pensi che al sedi clâr a ducj che Giovanni Maria Basso, pe candide semplicitât e pe disarmant naturalece cussì ben percepibii, al vebi ad implen meretât di comparî, come che al è avignût fin cumò, in ogni antologjie de leterature furlane.

Prefazion di Gianfranco D’Aronco